Sicurezza nei trasporti e funzionalità dei porti. Delegazione di Confcommercio-Conftrasporto incontra gli esponenti di Italia Viva

Sicurezza nei trasporti, merci ‘al ralenti’ ai valichi alpini, funzionalità dei porti e i nodi liguri della viabilità. Sono alcuni dei temi al centro dell’incontro di oggi fra i vertici di Conftrasporto-Confcommercio e gli esponenti di Italia Viva.

 

Organizzato nell’ambito del ciclo di incontri con le principali forze politiche del Paese – che Conftrasporto ha deciso di promuovere per rappresentare le istanze del mondo dei trasporti e della logistica alla vigilia della fase di attuazione del Piano di Ripresa e Resilienza – la Confederazione, guidata dal presidente Paolo Uggè, ha incontrato la Senatrice Maria Elena Boschi, la Presidente della Commissione Trasporti della Camera Raffaella Paita, l’Onorevole Luciano Nobili. Presente nella delegazione che ha preso parte all’incontro anche il presidente di Assarmatori, Stefano Messina.

 

Conftrasporto ha esposto la propria visione della rappresentanza del settore, orientata a valorizzare il ruolo dei grandi player internazionali, soffermandosi su alcune questioni del comparto di grande rilevanza nell’attuale agenda nazionale.

 

Rispetto al significativo programma di investimenti pubblici del PNRR è stata condivisa l’esigenza di urgenti e profondi interventi riformatori che accrescano la capacità di spesa nazionale, oggi inadeguata, per carenze regolatorie, amministrative e sul fronte della diffusione delle competenze tecniche necessarie.

 

Ci si è soffermati, inoltre, su delicati dossier aperti nel settore che penalizzano l’intera competitività nazionale, cui la filiera del trasporto e della logistica è funzionale: dalla questione della permeabilità dei valichi alpini, a cominciare dal Brennero, alla funzionalità delle filiere portuali; dalle problematiche di circolazione in Liguria,  alla vertenza dell’autotrasporto, fino alla centralità del tema della sicurezza delle attività di trasporto.

 

Conftrasporto ha evidenziato l’intervento positivo del Governo per l’ammodernamento dei traghetti della flotta italiana, ha evidenziato positivamente la necessità che le norme sul registro internazionale tengano conto di quanto espresso dalla comunità europea in tema di allargamento dei benefici alle bandiere comunitarie.

 

La delegazione di Italia Viva, condividendo i temi e le preoccupazioni rappresentate, ha confermato la disponibilità a continuare con Conftrasporto un confronto serrato, per una migliore gestione della fase di ripresa che attende il Paese, sensibile, in generale, alle esigenze delle imprese e in particolare a quelle delle aziende di trasporto e logistica che, attraverso l’accessibilità, garantiscono un indispensabile prerequisito per lo sviluppo dell’intero sistema economico nazionale.