Sea Future 2021. Mattia Canevari per Assarmatori: la transizione energetica comporta sfide ma anche opportunità

La transizione energetica comporta sfide complesse ma anche opportunità per il cluster marittimo. E’ questo il nucleo dell’intervento che l’ing. Mattia Canevari, componente della Commissione Ship Technoloy, Maritime Safety & Environment di Assarmatori ed Energy Manager di GNV, ha svolto durante la sessione pomeridiana di Sea Future 2021, manifestazione che si svolge in questi giorni a La Spezia.

Il passaggio a combustibili a zero emissioni di carbonio, ha detto l’ing. Canevari, non è un’opzione, ma l’unica via per contrastare il cambiamento climatico. Gli armatori questo lo sanno bene, ed infatti da quando l’IMO, nel 1997 ha adottato le prime misure per ridurre le emissioni, tutto il cluster marittimo sta impegnando risorse ingentissime per rispettare gli obiettivi fissati dalle autorità mondiali.

Bisogna però sempre ricordare che la rapidità di transizione verso combustibili meno impattanti la determina la disponibilità degli stessi su larga scala. Fintanto che questa non sarà garantita bisognerà andare avanti con combustibili di transizione come il GNL. Per questo è importante che gli investimenti per il rinnovamento delle flotte proseguano di pari passo con i programmi di infrastrutturazione del GNL e di elettrificazione delle banchine nei porti italiani. Tutte misure previste dal PNRR e dal fondo complementare ad esso collegato.