Numero di Settembre 2018 della Newsletter dell’EMSA

L’European Maritime Safety Agency (EMSA) ha pubblicato sul suo sito (www.emsa.europa.eu) il No.162 della EMSA NEWSLETTER. In questo numero gli argomenti trattati sono: la Portugal Shipping Week a cui EMSA prenderà parte in ottobre, la richiesta di assistenza all’EMSA da parte della Bulgaria per il monitoraggio della fuoriuscita di idrocarburi da un relitto, il test di sistemi alternativi di rilevamento di incendi a brodo della “Stena Scandinavica”, l’entrata in servizio della nuova piattaforma EMCIP per le indagini sugli incidenti e l’aggiornamento delle statistiche sulla situazione dei marittimi europei.
L’EMSA organizzerà una serie di eventi come parte della Portugal Shipping Week organizzata dal Ministero del Mare del Portogallo che inizierà il prossimo 17 settembre. Nelle giornate del 17 e del 19 sono in programma degli Open Tour dell’EMSA che mostreranno ai partecipanti il ruolo e le responsabilità dell’Agenzia ed una visita al suo Maritime Support Services Operation Centre. Sarà anche possibile visitare la “oil spill response vessel” Bahia Tres e partecipare a workshops sulle indagini sugli incidenti marittimi.
Lo scorso mese di agosto l’Amministrazione Marittima Bulgara ha preso contatto con l’EMSA a causa di una fuoriuscita di idrocarburi dal relitto del cargo americano Mopang affondato a largo delle coste bulgare nel 1921. Si calcola che si siano riversati in mare una settantina di metri cubi di combustibile, parte dei circa 600 metri cubi che si stima si trovino ancora a bordo del relitto. Sono stati fatti dei rilievi ottici e fotografici da parte dell’EMSA e le autorità bulgare hanno immediatamente iniziato un’operazione subacquea, ancora in corso, con lo scopo di rimuovere quanto ancora rimane nel relitto.
Sono stati collaudati positivamente a bordo del cruise-ferry Stena Scandinavica due nuovi sistemi di rilevamento commissionati dall’EMSA nell’ambito del progetto FIRESAFE II, condotto da Bureau Veritas, RISE e Stena. In particolare sono state provate delle videocamere ad immagine termica ed un sistema di rilevamento del calore a fibra ottica per confrontarli con il tradizionale rilevamento a sensori di fumo.
Dopo 18 mesi di sviluppo e test è stata attivata la nuova piattaforma europea sui sinistri marittimi EMCIP. Questo sistema di nuova concezione offre degli strumenti potenziati grazie tecnologie internet all’avanguardia. La sofisticata interfaccia utente e gli avanzati strumenti di visualizzazione consentiranno alle autorità marittime ed agli investigatori di potenziare le proprie capacità di analisi dei sinistri e di studio di strumenti e procedure per la loro prevenzione. La prima versione è destinata esclusivamente agli organismi investigativi sugli incidenti marittimi, successivamente lo strumento potrebbe essere messo a disposizione di un pubblico più ampio.
L’EMSA ha pubblicato la revisione annuale della statistica sulle “gente di mare” con informazioni aggiornate per il 2016. La revisione si basa sui dati estratti dai certificati e dagli endorsement registrati dagli stati membri EU fino al 31 dicembre 2016 sul sistema informativo STCW-IS. Le analisi contenute nel report contribuiscono ad una migliore comprensione della forza lavoro marittima in Europa ed i dati mostrano che alla fine del 2016 quasi 174.800 comandanti ed ufficiali possedevano certificati CoC rilasciati dagli stati membri dell’EU, mentre altri 87.800 possedevano certificati rilasciati da stati non-EU con endorsement di stati membri; quindi poco più di 260.000 elementi in totale.